ROMA - Il perfezionamento della formazione a distanza, un testo unico degli esami per chi vuole diventare steward, una cabina di regia unica che individui le modalità della riapertura degli impianti sportivi al pubblico. Prosegue il lavoro dell’A.N.DE.S, l’Associazione Nazionale Delegati alla Sicurezza, in vista dell’auspicata riapertura degli stadi al pubblico. Su questo fronte l’associazione del presidente Ferruccio Taroni da un lato prosegue nel tentativo di interlocuzione con le istituzioni del mondo del calcio e del governo, dall’altra lavora al suo interno per preprare il campo proprio in vista di un auspicato alleggerimento delle misure di restrizione.

“Quando gli stadi saranno riaperti al pubblico ci sarà un ulteriore problema: gli steward a disposizione saranno pochi e anche non sufficientemente formati. Per questo bisogna intervenire al più presto già oggi”. Questo l’appello lanciato da Ferruccio Taroni, presidente nazionale dell’A.N.DE.S, l’associazione nazionale delegati alla sicurezza, che in tutta Italia mette insieme oltre trentamila tra Delegati alla Gestione Evento (Dge) e steward. Per affrontare queste tematiche l’Andes ha aperto in questi giorni una nuova interlocuzione con le istituzioni del mondo del calcio, tra cui anche l’Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive. 

LA CULTURA DELLA SICUREZZA A CASA NOSTRA di Domenico Santoro

(tratto dalla rivista “PdE. Rivista di psicologia applicata all’emergenza, alla sicurezza e all’ambiente”. Direttore responsabile: Mauro Zamberlan - Direttore scientifico: Antonio Zuliani).

Nell’ultimo decennio, sempre più frequentemente la gestione della sicurezza è stata legata al concetto di cultura della sicurezza. Cultura della sicurezza come obiettivo, cultura della sicurezza come indicatore, come fattore descrittivo di un contesto organizzativo in relazione a un andamento infortunistico, a un comportamento prerogativa di un dato gruppo. Questa tendenza è in qualche modo rappresentativa della naturale evoluzione storica del safety management che sempre più ricerca le proprie prospettive di lavoro e miglioramento nell'interiorizzazione del concetto di sicurezza come valore condiviso da parte di tutti coloro che costituiscono un’organizzazione e i diversi team sono tra loro interdipendenti [1].

Così oggi è relativamente semplice trovare numerose definizioni di cultura della sicurezza e, allo stesso tempo, relativamente complesso trovare modelli e metodi di lavoro che il safety manager possa adattare in modo efficace al proprio contesto operativo [2], [4].

In questa fase storica stiamo vivendo un tempo sospeso. Un tempo che necessariamente deve andare avanti non solo con sistemi vecchi, ma anche con sistemi nuovi, a volte mai sperimentati. Come ad esempio il “ nuovo” calcio, ossia quello delle porte chiuse, della mancanza di socialità, delle partite solo in tv, senza cori e bandiere, senza freddo e senza urla. Ma il calcio, si sa, è formato, oltre che dai ventidue giocatori in campo, anche dalle moltitudini sugli spalti. Ma che ne è oggi di quei tifosi? Qualcuno ha pensato e sta pensando a loro? Quando si tornerà alla normalità, saranno ancora sugli spalti? Il dubbio è se si stia pensando a qualche soluzione, o se tutto è semplicemente rimasto “sospeso”.

“Non possiamo più continuare soltanto a gestire l’emergenza: dobbiamo anche costruire un percorso che ci permetta di metabolizzare il nuovo scenario creato dal Covid. Cambierà il ruolo dello steward ma bisogna riflettere anche su come torneranno i tifosi allo stadio”. Sono alcuni dei temi emersi dall’incontro online organizzato giovedì dall’A.N.DE.S, l’Associazione Nazionale Delegati alla Sicurezza che in Italia riunisce oltre trentamila tra steward e Dge (Delegato alla Gestione dell’Evento), dal titolo “Nella ripresa le norme dimenticate”.  

Pagina 1 di 13

Stadi numeri

AlboStriscioni

AlboSteward

Determine

 

PARTNER 

betafence logo

Ceiadallmeier logo

RCF

Secursat

Skidata

 

 

A.N.DE.S. - Associazione Nazionale Delegati alla Sicurezza
Piazza Matteotti, 25 - 41030 Bomporto (MO) Italy
C.F. 93194260233 - P.I. 03867740239 - Codice identificativo fatturazione elettronica: USAL8PV
Privacy policy