Rivoluzione per gli steward: nasce l'albo professionale

MILANO – Il nuovo ruolo degli steward dopo la circolare Gabrielli e la nascita dell’albo professionale nazionale. Sono queste le novità che emergono dal convegno nazionale Andes, l’associazione nazionale delegati alla sicurezza, andato in scena a Milano al Palazzo delle Federazioni del Coni il 20 e 21 giugno. Tema dell’incontro: “Lo steward: cambia nome e cambia veste?”. Sul tavolo diversi temi attuali, soprattutto alla luce dei recenti fatti di cronaca di Torino e delle conseguenti nuove norme  sulla sicurezza. L'argomento è stato affrontato sia dal punto di vista organizzativo che da quello giuslavoristico, vista anche la presenza dei rappresentanti del ministero del Lavoro, delle società di lavoro temporaneo e di esponenti di sigle sindacati del settore. 

La novità più importante è quella lanciata dal presidente Andes, Ferruccio Taroni, relativa all’introduzione dell’albo professionale per gli oltre 30mila steward presenti in tutta Italia. “Si tratta – spiega Taroni – di una novità assoluta su cui Andes ha voluto investire e di cui siamo molto orgogliosi. L’albo, che entrerà a pieno regime dalla stagione agonistica 2017-2018, sarà online e l’iscrizione avverrà tramite diversi step, tra cui un esame via web. Ogni steward avrà a disposizione un profilo in cui potrà caricare l’attestato e le informazioni che lo riguardano. L’albo poi servirà come punto di riferimento comune per queste figure lavorative, in modo da facilitare l’incontro tra domanda e offerta e quindi una migliore gestione dell’evento”.

Al tavolo anche l’assessore alla Sicurezza del Comune di Milano, Carmela Rozza. “Per le nuove esigenze legate alla sicurezza – ha spiegato nel suo intervento – servono steward formati professionalmente.  I fatti di Torino ci hanno detto una cosa: i cittadini hanno paura. Questa è la novità vera, la paura. E tutti noi sappiamo che se c’è un elemento assolutamente ingovernabile è proprio la paura. Dobbiamo imparare che anche quando si organizza uno spettacolo all’aperto, bisogna immaginarsi tutti gli scenari che potrebbero configurarsi e trovare soluzioni adeguate”.

Al tavolo erano presenti anche lo psicologo Antonio Zuliani, il quale si è concentrato sulle dinamiche della gestione delle situazioni di emergenza, Aniello Pisanti, capo dell’ispettorato interregionale del lavoro del nord ovest, i rappresentanti delle maggiori società italiane di lavoro temporaneo, Paolo Schiavone, responsabile dell’area vigilanza tecnica dell’ispettorato territoriale del lavoro Milano-Lodi, Oreste Perri, presidente del Coni Lombardia, gli esponenti sindacali Adriano Gnani della Uilcom Lombardia e Daniele Bailo, segretario Uil Milano Lombardia.

Stadi numeri

AlboStriscioni

PARTNER 

 

SPARK LOGO UFFICIALE 1

 

G G LOGO

A.N.DE.S. - Associazione Nazionale Delegati alla Sicurezza
Piazza Matteotti, 25 - 41030 Bomporto (MO) Italy
C.F. 93194260233 - P.I. 03867740239